Accedi
Email
Password
Prima volta su MaxMeyer? Registrati

Home > Il mondo MaxMeyer > La storia

La storia

Oltre 100 anni di qualità, tradizione e innovazione

1919
1921
1942
1953
1960-1970
1980
1985
1989
1995
1998
1999
2007
2009
2011
2012
2014
2015
2 La Societa' Umanitaria, tiene nei suoi locali nel 1919, la prima Esposizione lombarda di arti decorative, che inaugura la tradizione della Triennali. Arte e artigianato si fondono anche per l'imbianchino: il Colorificio Italiano MaxMeyer produce in questo periodo una prima serie di dodici tinte "all'olio con pigmenti gia' finemente dispersi
UN CUCCIOLO ENTRA NELLA STORIA DELL'ILLUSTRAZIONE PUBBLICITARIA Il manifesto del cucciolo con il pennello in bocca, che con aria mortificata guarda il vasetto di smalto rovesciato, e' entrato nella storia dell'illustrazione pubblicitaria, oltre a essersi indelebilmente impresso nell'immaginario collettivo. Lo disegnò nel 1921 per il Colorificio Italiano un quotato cartellonista siciliano, Aleardo Terzi. Dai primi complessi lavori Liberty dai raffinati contrasti, Terzi evolve rapidamente il suo linguaggio approdando a uno stile sintetico, di immediata comunicazione, in cui il segno e' ridotto all'essenziale. Il manifesto studiato per MaxMeyer e' infatti uno dei primi in cui la figura scaturisce direttamente dalla campitura di colore del fondo . La MaxMeyer ha fin dalle origini dedicato particolare cura e attenzione alla propria immagine, realizzando manifesti, marchi e confezioni di sempre notevole impatto estetico.
In questo periodo l'industria Italiana, nonostante la vocazione internazionale dei suoi imprenditori, costretta a rientrare nei ranghi nazionali e poi, con lo scoppio della guerra, a piegarsi alla produzione bellica. Breda, Caproni, Agusta figurano fra i clienti MaxMeyer di questo periodo. Con una serie di prodotti che vanno dal Maxoloid, al VULKEOL, all'Imprexol e a prodotti formulati su misura, laMaxMeyer risponde in modo ottimale alle esigenze dl queste importanti industrie. Il Colorificio Italiano rinasce sviluppandosi ulteriormente e assumendo le caratteristiche di una vera industria chimica di trasformazione, supportata da un'altra tecnologia formulativi, che conquista una posizione di preminenza sul mercato nazionale e si espande in quello internazionale.
L'AFFERMAZIONE DEI PRODOTTI MAXMEYER Alla metà degli Anni Cinquanta la rapida espansione delle acciaierie e della produzione automobilistica fanno da traino a tutta l'economia italiana. Con l'innalzamento del tenore di vita sorge, da parte della clientela, una diffusa richiesta di nuovi e differenziati consumi. Gli italiani cominciano a spendere per rendere più belli e accoglienti gli ambienti in cui vivono; la MaxMeyer viene incontro a questa tendenza realizzando una esauriente serie di prodotti che rispondono ai requisiti di qualità, di semplice impiego e di agevole reperibilità attraverso una capillare rete di vendita nazionale. Nasce così l'idropittura - formata da pigmenti legati ad emulsioni acquose - di cui il Tintal, nato nel 1953 con una ricca cartella colori, diventa sinonimo per eccellenza assieme al suo rivale di sempre, il DUCOTONE della Montedison.
La MaxMeyer è uno dei complessi produttivi più importanti d'Europa. La scoperta del colore da parte del pubblico, la sua diffusione all'interno e all'esterno delle case, rappresenta negli Anni Sessanta una vera e propria rivoluzione, una nuova filosofia del vivere che mette le sue radici e si consolida nei decenni successivi. Il Colorificio si specializza nella produzione di vernici per l'industria, prima, e per l'uso domestico poi. Viene sviluppata la produzione delle idropitture, si rafforza la rete di vendita. Negli ambienti di lavoro il colore significa anche sicurezza. Tinte diverse applicate alle varie componenti di un impianto servono ad identificare immediatamente la funzione, e scelte cromatiche adottate in base a sperimentate modalità di reazione psicologica aiutano operai e impiegati a svolgere il proprio compito con minore fatica e rischio incidenti. In anni di studi e relative applicazioni, la MaxMeyer ha maturato in questo senso un ricco know-how professionale a disposizione dei clienti.
Nel 1980 la MaxMeyer acquista dalla Montedison, il maggior gruppo italiano, la società DUCO. Nel 1981 i due marchi prestigiosi, di grande tradizione e sempre attuali, si fondono e danno vita all MM.D MaxMeyer Duco S.pA. È l'incontro fra due colossi del settore delle vernici che porta alla più numerosa e diffusa rete di distributori di prodotti vernicianti del mercato italiano.
1895 è un anno particolarmente produttivo, a cui risalgono grandi scoperte scientifiche come la radio e i raggi X, e vengono avviate prestigiose istituzioni culturali come il Premio Nobel e la Biennale di Venezia. In quest'anno ricco di iniziative e di fermenti l'imprenditore svizzero MaxMeyer fonda a Milano il Colorificio Italiano che ancora oggi porta il suo nome. E' un'azienda di medie dimensioni, che impiega una cinquantina di persone e ha sede in via Savona 52, nella zona dei Navigli, cuore della nascente Milano industriale. La vernice e' ancora un prodotto dai limitati campi di impiego, ma le sue proprietà protettive sono ampiamente note, e cominciano in questi anni ad assumere importanza i colori in polvere e dispersi in olio di lino.
Nel 1989 il Centro Ricerche MaxMeyer inventa lo spettrofotometro Delta e Crom e riceve la targa d'argento all'Equip'Auto di Parigi. Tramite lo spettrofotometro si legge un colore su qualsiasi supporto ed il software dedicato fornisce la formula per riprodurlo nel prodotto desiderato.
NEL 1995 MAXMEYER FESTEGGIA I 100 ANNI DI ATTIVITA' Nello stesso anno viene avviata la Joint Venture in Cina con la società Gaoven Chemical Industries di Shandong per la valutazione dei prodotti vernicianti. Sempre nel 1995, MaxMeyer presenta il software di visualizzazione dei colori su strutture architettoniche. Il programma permette di simulare i colori dei prodotti dell'intera gamma su 30 ambientazioni fotografiche interne ed esterne con la possibilità di intervenire su diversi particolari.
IL COLORE COME PROTAGONISTA MaxMeyer presenta UN MONDO DI COLORE, il nuovo mondo colore di Maxicolorsystem. Oltre a rappresentare una delle più accurate selezioni cromatiche del mercato, le 1147 tinte di UN MONDO DI COLORE si propongono attraverso un'organizzazione esclusiva ed originale basata sulla suddivisione dei colori per forze e tonalità il modo migliore per guidare l'utilizzatore verso una consultazione rapida e precisa, frutto di un approfondito studio sul comportamento assunto dai consumatori nella delicata fase di scelta del colore.
IL COLORE COME PROTAGONISTA MaxMeyer presenta FISIOCOLORSYSTEM, il modo migliore per scegliere i colori per la casa, che combina fra loro il gusto architettonico ed il benessere psicofisico. FisioColorSystem un'inedita ed innovativa collezione colore per le diverse destinazioni d'uso degli ambienti abitati: ATTIVITA', GUSTO, TEMPO, RIPOSO.
MAXMEYER E L'AMBIENTE MaxMeyer ha sviluppato un importante progetto di adeguamento formulativo di tutti i propri prodotti, questo ha permesso di allinearsi alle più rigide normative europee sulla limitazione delle emissioni inquinanti di Composti Organici volatili. Ad oggi MaxMeyer è allineata alla normativa che entrerà in vigore nel 2010, la quale richiederà limiti ancora più restrittivi. Il processo di riformulazione ha consentito di poter migliorare, le performance dei prodotti.
I NUOVI DECORATIVI Un'idea che sovverte tutti i canoni tradizionali del settore e che solo un marchio come MaxMeyer,con la sua notorietà ed il valore, può permettersi proporre. Già dalla loro immagine - modernissima, elegante, sofisticata, emozionante e attraente come mai si era vista in un prodotto verniciante - i nuovi decorativi di MaxMeyer prendono le distanze da chiunque. Un progetto fuori dagli schemi per l'immagine, ma assolutamente allineato alla proverbiale qualità MaxMeyer, con prodotti d'alta fascia a prezzi competitivi anche verso la concorrenza specializzata.
NUOVO SISTEMA TINTOMETRICO E COLORE MaxMeyer lancia il nuovo sistema di colorazione tintometrica, frutto dell’innovazione tecnologica del gruppo Cromology Italia. Progettato per offrire la più ampia ed esclusiva gamma colori presente sul mercato, garantisce ottime performance in termini di affidabilità, purezza e pienezza del colore. Pigmenti selezionati di nuova generazione assicurano la stabilità del colore nel tempo e la migliore copertura. L’affidabilità e l’innovazione tecnica si uniscono ad un’inedita visione del colore, sviluppata in collezioni specifiche per ogni esigenza. Abbinamenti, contrasti e multicromie realizzati grazie alla collaborazione di professionisti internazionali specializzati nel trend scouting del colore, che coniugano i colori della tradizione italiana con le ultime tendenze.
DESIGN & COLOR MaxMeyer lancia Interior Styling Design, un nuovo concetto per il canale Do it Yourself, sviluppando un approccio innovativo al colore ed alla consulenza estetica nella scelta degli abbinamenti. Il connubio di pitture, smalti e finiture decorative origina giochi di luce e contrasti che valorizzano tutti gli ambiente della casa. Nasce il concetto di coordinato, soluzioni e accostamenti cromatici diversi in grado di influenzare gli spazi in cui viviamo. Home Color le nuove pitture murali colorate, le finiture decorative ed i nuovi smalti all’acqua.
MAXCOLORDESIGN DI  MAXMEYER Il portale del colore MaxMeyer è interamente dedicato ai trend ed agli abbinamenti colore. Attraverso TENDENZE – COLLEZIONI – ISPIRAZIONI MaxColorDesign accompagna nella scelta colore degli ambienti consentendo di simulare ogni colore della sua vasta offerta sia in ambienti di ispirazione che in proprie foto caricate. Il tutto potendo scegliere tra le diverse tendenze e collezioni, in un percorso sempre nuovo ed alla moda.  www.maxcolordesign.maxmeyer.it
SI FESTEGGIANO I 120 ANNI DI MAXMEYER Passione per il colore, amore per il prodotto e molta ambizione hanno fatto di MaxMeyer il brand più conosciuto e riconosciuto del settore, con oltre il 67% di notorietà, che da 120 anni accompagna intere generazioni di italiani con i propri prodotti.